Massimo Polledri

Massimo Polledri

Piacentino doc, sono neuropsichiatra infantile in aspettativa dal 2001, anno in cui ho intrapreso l’incarico parlamentare.
La profonda adesione ai valori tradizionali della famiglia, dell’impegno sociale e civico mi ha spinto a schierarmi con la Lega Nord, l’unico movimento sorto realmente per produrre un profondo cambiamento e la cui azione moralizzatrice ancora oggi motiva la mia azione politica.

Sono cresciuto insieme alla Lega, passando dalla segreteria cittadina di partito a quella provinciale e al ruolo di consulente in materia sanitaria per il partito e per la coalizione di centro-destra al governo.

Sanità , sviluppo, impresa, energia e mondo produttivo sono gli ambiti in cui ho maturato esperienza e competenza politica, grazie anche alla partecipazione alla commissione parlamentare Attività  produttive, commercio e turismo in qualità di capogruppo per la Lega.

26 SP_AGOSTO 2019
Pubblicato in Rassegna stampa
Etichettato sotto
26 SP_AGOSTO 2019

Gli asili nido piacentini sono sempre stati il fiore all’occhiello della nostra città, il triste evento delle due educatrici arrestate per maltrattamenti in un asilo nido di Piacenza deve far riflettere lo stesso Comune che si è dichiarato parte lesa in questa vicenda, il quale deve sicuramente garantire la qualità ed evitare ogni tipo di speculazione.

Ognuno deve prendersi le sue responsabilità valutando anche se la funzione di vigilanza è stata fatta nel migliore dei modi o se ci sono state delle omissioni: il compito del Comune non deve essere quello dello scarica barile.

Vediamo un Comune molto agitato. Il consiglio è quello di svolgere tutte le indagini con estrema precisione e verificare se ci sono state già in passato altre segnalazioni.

L'impegno di tutti, ora, deve essere quello di ristabilire la necessaria fiducia nei genitori e la sicurezza per i loro bambini.

Pubblicato in Sicurezza e criminalità
Etichettato sotto
26 SP_AGOSTO 2019

Nel nostro Comune dobbiamo cominciare a ripensare lo sport piacentino ripartendo dalle piccole cose. Non facciamo grandi promesse ma ripartiamo dall’abc per la dignità sportiva dei ragazzi piacentini, con l’obiettivo di avvicinarli sempre più al mondo dello sport. Per questo, credo che sia possibile rilanciare lo sport a Piacenza partendo da tre semplici punti:

1) mettere in ogni campetto, o spazio pubblico, un cesto da basket per far tornare a giocare i ragazzi, fuori, nelle piazzette;

2) molti stadi dilettantistici a Piacenza non sono dotati di tribune coperte, è giunto il momento, quindi, di creare una situazione confortevole anche per i tanti genitori che vanno a vedere le partite e, quando piove, sono costretti a non poter vivere con serenità gli allenamenti o le partite dei propri figli. Coprire le tribune dove giocano anche i più piccoli, è un beneficio per tutti coloro che amano lo sport;

3) pulizia delle palestre, spesso sporche e molte volte senza acqua calda. Le palestre sono un luogo di incontro e spesso di avvicinamento allo sport per la prima volta di molti piacentini.

Questi, appena elencati, sono tre punti per un programma sano e coinvolgente per ripensare lo sport a Piacenza attraverso la semplicità delle piccole azioni.

Pubblicato in Medicina e salute
Etichettato sotto
26 SP_AGOSTO 2019
Pubblicato in Rassegna stampa
Etichettato sotto
JoomShaper